TRADUZIONE

17 agosto 2011

E' bello tornare quando sai di farlo solo per poter ripartire ....


otto le ore passate in frontiera Mongola in attesa di conquistare la strada di casa
il motivo................computer bloccato ............
ora ci siamo, la Mongolia dista piu' di 2000 km ormai .......
ma i ricordi indelebili che ci sono restati in mente quelli li vivo ancora istante dopo istante.
Siamo a Omsk, sulla strada che ci riporta gradatamente verso quella che definiremo, vita comune.
Mi chiedo quanto lo sia davvero.....
Mi chiedo quanto non sia piu' comune vivere secondo l'allungarsi dell'ombra sul terreno
cercare la polvere sollevata da altri mezzi per individuare la strada.............e poi accorgersi che a sollevarla erano cavalli oppure yak.....
Assaporare quel mezzo litro di acqua rimasta e far bollire due spaghetti nel nulla piu' assoluto
Ricevere il sorriso di un bambino Mongolo incontrato su un passo a 2600 metri di altezza mentre posiziona una rudimentale trappola nella speranza di catturare, forse, una lepre.
Nessun bambino gioca...........
Il gioco e' vivere cercando di sopravvivere !
Ora siamo in Russia, cosi' lontana ma ormai cosi' vicina.
Le difficolta' della Mongolia sono svanite e rimane solo un gran desiderio di ritornarci quanto prima possibile.
E' bastata una cena, in compagnia di una famiglia di Siberiani, una bottiglia di wodka svuotata in compagnia del capo famiglia, una notte in un letto .............di quelli veri, con tanto di lenzuola e cuscino.........
Poco ci basta per dimenticare.......
Non voglio che avvenga !!
Desidero che mi rimanga sulla pelle un po' di quella polvere che tanto mi ha fatto dannare, la stessa che respirano i Mongoli nel loro quotidiano modo di vivere.
Cadere, rialzarsi, ancora cadere e mai smettere di desiderare cio' che non si e' ancora visto e vissuto.
Questo credo sia la molla che mi spinge a tenere gli occhi aperti sino a farli seccare,
non voglio perdermi nemmeno un istante di quel sogno, che per molti e' ormai consuetudine, mentre per me e' un solo istante, che forse.............forse............non vivro' mai piu'.
Per quante volte ho maledetto quella sabbia, quei dossi, il fango e tutto cio' che non mi lasciava andare oltre.
Ora, sento gia' nostalgia di quel mondo, un mondo che per molti di noi si apre solo entrando in un'agenza di viaggi, mentre per qualcuno..............si chiama casa !
Stiamo tornando, e' bello tornare ma, non posso smettere di pensare a chi ho lasciato.
Pochi istanti, magari una sola stretta di mano, il pastore che uccide la pecora per prepararmi la cena, la bambina che sognando chissa' chi ( non credo una velina ) si veste da donna, il bambino con la faccia arsa dal sole e ricoperta di polvere. Tutti, non ne dimentichero' uno di quei volti !!
Un mondo nel mondo.
Un sistema di vita semplice, talmente tanto che per noi divente incomprensibile e talvolta frustrante.
Per chi ama, per chi sogna, per chi desidera l'essenziale, per chi fa dell'attimo presente il proprio modo di vivere, ecco per tutti questi, la Mongolia e' un paradiso.
Per gli altri...................non potranno capirne l'essenza !
Si torna a casa, siamo in Russia, si procede come attratti da una forza che non ci permette di farlo.
Tornare e' bello.................ma solo perche' e' viva la consapevolezza di poter ripartire un giorno !

Gianni e Gisella



2 commenti:

  1. Carissimi...infatti,quel tesoro di pensieri e ricordi della Mongolia,lo costudirete sempre nel cuore...potrai raccontarci ogni momento vissuto nel tuo prossimo libro e noi,potremo immaginare le scene vissute da voi due,ma solo i vostri occhi sapranno veramente come questi sguardi incontrati x strada vi hanno resi ricchi...a volte,basta poco x sentire grande emozioni...
    a presto....bacioni...
    Sandrine e Daniele!!!

    RispondiElimina
  2. Giovanni Sassone18 agosto 2011 23:57

    Ciao Gianni e Gisella vi sto seguendo con i miei figli dal giorno della vostra partenza.State facendo un viaggio senza dubbio stupendo,ma quello che è più stupendo che avete trovato un mondo fatto di cosa semplici che purtroppo noi abbiamo perso.Grazie per quello che ci descrivete.Ciao Giovanni

    RispondiElimina