TRADUZIONE

25 agosto 2011

SMILE



Non è facile, sintetizzare in poche righe, una così grande emozione.
Sarebbe riduttivo, parlare di questo viaggio come una semplice vacanza.
Anche perché, ad essere sinceri, non ci si è mai sentiti realmente dei turisti.
Sin da subito, abbiamo cercato di vivere il viaggio non imponendo noi un suo scorrere, bensì lasciando che fosse proprio l’insieme degli eventi a costruirlo metro dopo metro.
Ne abbiamo percorsi tanti di metri. E se uso questa unità di misura, il metro appunto, anziché il più consueto [km] c’è una ragione !
La Mongolia, te la devi conquistare metro dopo metro !
Quante volte, per superare un punto difficile, magari lungo non più di qualche metro appunto, abbiamo faticato ore ?
Quante volte, siamo stati costretti a tornare sui nostri passi in quanto il fango, la sabbia, le rocce ci impedivano di andare oltre ?
In quante occasioni, la nostra Dina2 è rimasta in attesa che Gisella ed io facessimo un sopralluogo per capire dove transitare, quale pista prendere ?
Non è leggenda che a volte sia stata la bussola a darci l’indicazione. Altre volte solo basandosi sulla posizione del sole, altre ancora cercando all’orizzonte lontano un segno di vita, quel qualcosa che potesse darci un punto da seguire.
Non dimenticheremo mai quel mattino quando, dopo aver seguito per circa 30 km, o per meglio dire 30000 metri, una pista, quest’ultima improvvisamente scompare inghiottita da un manto erboso reso viscido e troppo soffice dalle piogge della notte.
Che fare ?
Abituati come siamo ad utilizzare i mezzi che il nostro mondo, quello ricolmo di tecnologia, ci offre, sarebbe bastato consultare il navigatore, oppure chiamare uno di quei centri di informazione telematica……sai, quelli che se cerchi un fioraio aperto alle 2 di notte perché ti sei scordato di comprare il regalo alla moglie, in un attimo ti danno la soluzione….
Nulla di tutto questo è vero in Mongolia.
Neppure una cartina geografica ti dice la verità.
Solo lei non mente, la natura !!
E’ stata lei a condurci fuori. A lei ci siamo affidati nel cercare un posto dove accamparci per la notte.
Non ci sono reali pericoli in Mongolia. Sono persone pacifiche, curiose, attratte da chi è strano….come indubbiamente due motociclisti sono, ma non pericolose.
Il vero pericolo, come purtroppo accade in molti altri posti nel mondo, è dato da quell’infernale modo di farci del male che solo l’uomo può inventare.
L’alcolismo !
Bevono, bevono tanto, si ubriacano facilmente e talvolta diventano violenti.
Per evitare questo, la notte cercavamo posti nascosti, lontano dalle Ger, dietro ad una collina possibilmente, lontano dalla strada o come quella sera nascosti dietro uno dei pochi cespugli che ho avuto modo di vedere.
Ed è stato in quei luoghi, così lontani dal nostro mondo fatto di rumori e di luci, che ho avuto modo di conoscere la vera natura. Quella che a volte spaventa, che ti fa sentire davvero piccolo.
Un silenzio tanto grande da dar fastidio. Una sensazione mai provata prima.
Non è stato facile attraversare la Mongolia. Almeno non lo è stato per noi.
Non è facile trovarsi ad amare un luogo con tutto se stessi ma nel contempo odiarlo per le difficoltà che pone di fronte.
Oggi quelle difficoltà sono svanite e rimangono solo vive e nitide le immagini di un sogno vissuto ad ogni metro.
Quanti metri …….quanti rischi invece in Russia.
Un paese che cambia mano a mano che ti sposti verso Est.
A non cambiare mai sono le strade, disseminate di crateri grandi come l’intera moto.
Costretti a viaggiare con medie di circa 70 km/h, sembra non finire mai.
E quando ad un tratto scompaiono le buche, ti accorgi di essere a casa.
Non è stato un viaggio come tanti questo. Ci abbiamo dovuto mettere del nostro, in ogni istante.
Fisicamente ma soprattutto psicologicamente. Nessuno dei due poteva permettersi di crollare e quando, per qualche istante questo può essere accaduto, ed è accaduto…..l’altro doveva immediatamente intervenire. Eravamo soli Gisella ed io, come piace a noi, soli !
L’esserlo, a volte non è un vantaggio, o almeno così parrebbe.
Per noi è un modo di essere. Forse troppo estremo, forse esageratamente egoistico ma sicuramente…….ci sentiamo liberi !
Ieri ho varcato la soglia di casa dopo aver parcheggiato e ringraziato Dina2.
Ho impiegato alcuni istanti a riconoscere casa mia, come spesso mi accade tra l’altro.
Ho acceso il PC e mi sono collegato al nostro sito.
Volevo vedere, per intero, la traccia lasciata dal GPS durante l’intero viaggio.
Mi si apre la pagina di Google Map.
Il mondo, così tondo, così bello da vedere pare essere un “faccione” un po’ rubicondo …
Scopro solo in quell’istante che, la traccia lasciata dal GPS, con inizio a Torino, attraversando tutta la Russia a nord, per poi invertire la propria rotta a Ulan Bator, rientrando a Torino passando da sud, ha creato e delineato sul mondo una delle cose a me più care……. un gran sorriso !
Siamo amici io ed il faccione rubicondo !!
Grazie mondo !

Cascata di informazioni:
Agli amanti delle statistiche, a quelli che adorano sapere ciò che fanno gli altri per poi fare di testa propria ( ed io sono fra quelli ) ecco alcune info.
Km totali percorsi à 20150
Giorni totali à 32
Giorni effettivi di viaggio à 30 ( 1 gg speso in Ulan Bator per manutenzione / 1 gg speso alla frontiera Mongola in attesa che aprisse…….)
Litri di benzina consumati à 1119
Tipi di benzina à 80 RON in Mongolia, 92, 95 in Russia
Costo carburante à 0.8 euro in Mongolia, 0.5 in Russia
Litri di olio motore consumati à 0
Treni di gomme utilizzati à 2 ( Pirelli Scorpion – Continental TKC80 )
Stati attraversati à 9  ( Svizzera, Germania, Polonia, Bielorussia, Russia, Mongolia, Ucraina, Ungheria, Slovenia )
Fusi orari à 7
Frontiera più estenuante à Mongolia vs Russia …..8 ore
Cadute à 4…………………
Multe à 0 ( e credo sia quasi un record )
Rapine à 1 ( polizia Ucraina………….) circa 30 euro.
Sigari fumati à 116
Frase più ricorrente ( Gianni ) à ….ma guarda sto testa di c…..
Giorni senza lavarsi à 8

Magari qualcuno di voi avrebbe desiderato leggere un blog più tecnico, con maggiori informazioni di carattere logistico, geografico, ecc.
Io ho preferito invece cercare, e sono certo di non esservi mai riuscito, di trasferire quelle emozioni che sentivo e vivevo giorno per giorno.
Non disperate però, chiunque di voi desiderasse ricevere maggiori dettagli inerenti al viaggio, non esiti a contattarci direttamente, via mail, cellulare o là dove saremo durante una serie di eventi che ci vedranno impegnati a tendere. Primo fra tutti il GMG di Mandello, per poi seguire con altri visibili sul nostro sito.

Un sentito grazie a tutti coloro che a questo progetto hanno lavorato.
A tutti voi che, scrivendoci e frequentando il blog, ci avete tenuto compagnia ( e lo dico davvero ) grazie ragazzi !!

Che dire altro ?
Mai fermarsi  ! Mai mollare !
Un metro dopo l’altro si realizzano sogni !!
Ed è ora di partire con il prossimo !!

Quindi, arrivederci a presto !

Gianni e Gisella






8 commenti:

  1. Nicola, FPT Racing Sangone25 agosto 2011 21:51

    Spero di leggere il libro anche di questo viaggio,
    per essere catapultati su ogni metro, ho scritto metro, che avete percorso.
    Un sentito abbraccio, Nicola.

    RispondiElimina
  2. Sono appena tornato dal viaggio in Sicilia, assolutamente non comparabile con quanto fatto da te e Gisella, e la prima cosa che ho fatto è stato vedere il vs. blog per sapere come fosse andata.
    Da quanto ho letto e conoscendo Gianni da tanti anni ritengo che questo viaggio sia stato estremamente difficile ma molto elettrizzante. Un ringraziamento speciale, se Gianni me lo permette, vorrei farlo a Gisella che ha dovuto sopportarti e sopratutto "supportarti" in questa avventura.

    Spero di abbracciarvi presto a Torino, se Gianni riuscirà a rimanere in ufficio qualche giorno.

    Per il momento, vi ringrazio per le emozioni che avete trasmesso dal blog a chi, molto più banalmente, è andato in camper in Sicilia con tutta la famigliola al seguito.

    Un saluto affettuoso

    Rinaldo

    RispondiElimina
  3. Carissimi.....BENTORNATI!!!! Non abbiamo potuto seguirvi dal 23 perchè eravamo via,sperando di esserci x il vostro arrivo,visto che vi seguivamo minuto x minuto,anzi,metro x metro,e invece...appena arrivati a casa,abbiamo voluto vedere dov'eravate ed ecco la sorpresona!!! siete "già" a casa!!! COMPLIMENTI ragazzi...e come sempre,quanto nel tuo libro precedente Gianni,raccontandoci certi episodi,ci hai fatto morire dalle risate con il tuo racconto del BMW che tornava da Capo Nord!!! sei forte va!!!!
    ma quando ripartite???? xk ci mancherà questo appuntamento giornaliero a seguire due persone,che ormai consideriamo AMICI!!!
    Ci vediamo al Mandello,iniziamo a portare il vostro libro,e vogliamo una dedica!!!!
    Volevamo quasi quasi venire ad aspettarvi al vostro ritorno,invece con l'andi che avete sempre avuto,abbiamo sperato che vi fermaste un "pò al mare"...invece Daniele aveva ragione..."giovedì saranno a casa!!!" che peccato,avevo voglia di vedere la mitica Dina2 tutta sporca con il profumo del vostro viaggio,e soprattutto abbracciare voi...che.....
    CI AVETE FATTO SOGNARE!!!!!
    Bravi ragazzi...BRAVI BRAVI E ri-BRAVI!!!!
    Un abbraccio...
    Sandrine e Daniele di Biella.

    RispondiElimina
  4. Sandrine , Daniele ... eccovi finalmente !!!
    eravamo preoccupatissimi di aver perso i nostri supporter n^ 1 !
    bacione , a presto !

    RispondiElimina
  5. Grandissimi ragazzi!!! Ho trovato per caso il vostro blog in rete mentre cercavo di tracciare l'itinerario di viaggio dei miei sogni....che dire, spero un giorno di poter seguire il vostro esempio.
    Tutta la mia ammirazione e la mia invidia!
    Lisa Trieste

    RispondiElimina
  6. Anche se siete tornati,non riusciamo a stare senza di Voi!!! ed eccoci qui a curiosare ancora nel vostro blog...e per dirvi che il nostro pranzo di oggi è stato speciale...eravamo con voi...eh già!!! abbiamo tirato fuori una bottiglia di buon vino,preparato una bella insalatona e....se c'è chi,pranza con il TG dell'una,beh,noi abbiamo pranzato con il vostro DVD dell'anno scorso..il numero 2!!! che risate per quei racconti serali di Gianni sotto gli occhi di Gisella che ormai è diventata una regista famosa,sentendo (silenziosamente)alcuni suoi commenti,ma che rispecchia quanto è discreta e tranquilla...CI MANCATE TANTISSIMO!!! scrivete velocemente il vostro nuovo libro che non vediamo l'ora di leggere...ci sentiamo come due bambini che aspettano la prossima uscita dell'ultimo film di Harry Potter!!!sperando davvero di avervi a pranzo o a cena da noi un giorno...Ci avete fatto passare 30 giorni,indimenticabili,magici e pieni di sogni...e 7 giorni almeno,senza vostre notizie,dove guardavamo lo spot almeno 5 volte al giorno x sapere se almeno andavate avanti,in ansia,anche perchè,avevamo paura x i lupi...uuuuuuuuuhhhhhh!!!
    Ci vediamo al GMG...malgrado il caos che ci sarà,spero che troverete un momento x Noi...
    Volevamo fare i complimenti a tutti due,ma in particolar modo a te Gisella...(sono sicura che Gianni sarà un pò geloso!),ma ha accanto una donna straordinaria,che segue passioni,pronta ad affrontare ore e metri su strade sconosciute,con una forza e una semplicità esemplare...seguendo l'uomo che ama...questo è amore...ma noi centauri,amiamo così...c'è chi fa km e km in auto senza rivolgersi la parola,e c'è chi,viaggia in moto, a stretto contatto con l'altro ma che vede il mondo quasi con i stessi occhi,e a volte basta una carezza sul braccio o massaggiare il collo di chi ci sta portando,x fare capire che stiamo bene...
    Questo è quello che trasmettete...contaggioso...
    Un bacione.
    Sandrine e Daniele.

    RispondiElimina
  7. ciao Sandrine, ciao Daniele,
    erano già tre giorni che non si andava in moto e quindi oggi.....non abbiamo resistito. Giusto un giretto deaffaticante, quella manciata di chilometri ( e non più metri ) che servono per rilassare il corpo e la mente. Ora siamo a casa, ognuno indaffarati a far mille cose. Chi si aspetta che dica cose tipo " stirare, bagnare i fiori, pulire casa, aggiustare l'antifurto ormai guasto da mesi, ecc ecc " si sbaglia ! Gisella è alle prese con la produzione del nuovo DVD, ne avrà per un bel pò credo....visto la mole di immagini da processare. Mentre io mi sto dilettando a scrivere ciò che la mia mente bacata trasferisce alle dita che, in modo confuso, pigiano i tasti del mio pc. Quindi non dubitate, le piante moriranno, l'antifurto continuerà a non essere funzionante, ma il libro ed il DVD arriveranno !!! Sarà bello vedervi al GMG, e qualsiasi sarà il caos dell'evento, troveremo il tempo, fosse anche necessario rubarlo al sonno, per stare insieme !!! Ungrandissimo abbraccio.
    Gianni e Gisella.

    RispondiElimina
  8. Scrivi,scrivi Gianni....sistemi,sistemi il dvd Gisella!!
    Sapremo essere pazienti...ma aspettiamo con ansia..
    per il momento,aspettiamo il Mandello...poi,ci toccherà aspettare un lungo anno prima di seguirvi di nuovo...ufffff!!! sarà lunga...
    a prestissimo...e viva la Guzzi!!! Daniele sogna la nuova Stelvio,è il suo sogno-regalo x i suoi 50anni...io gli dico sempre,"se la fine del mondo è prevvista x il 2012 davvero,non avrai nemmeno la soddisfazione di averla sotto il c... x un bel viaggio..." allora ci pensa,e guarda la nostra piccolina,ne è affezionato,(e anch'io,e anche se fa 23 con un litro,è un pò scomoda x lunghi viaggi...) quindi..aspettiamo la Stelvio...speruma in ben!!! Buona serata ragazzi!!! Sandrine e Daniele.

    RispondiElimina